FILOLAO

INTEGRAZIONE REGOLAMENTO ANTI COVID-19

 

INTEGRAZIONE REGOLAMENTO Anti Covid-19

 

Riferimenti legislativi

Il presente regolamento è scritto alla luce, tra gli altri, delle seguenti fonti normative e regolamentari:

  • Testo unico sulla sicurezza, D. Lgs. 81/2008 e ss.mm.ii.
  • Gestione delle operazioni di pulizia, disinfezione e sanificazione nelle strutture scolastiche, INAIL 2020
  • Piano per la ripartenza 2020/2021.
  • Piano Scuola 2020/2021
  • Documento tecnico sulla rimodulazione delle misure contenitive nel settore scolastico per lo svolgimento dell’esame di Stato nella scuola secondaria di secondo grado
  • L. 19 del 25 marzo 2020.
  • CCNL scuola 2016/2018.
  • Linee guida per la didattica digitale integrata.
  • “Protocollo d’intesa per garantire l’avvio dell’anno scolastico nel rispetto delle regole di sicurezza per il contenimento della diffusione di Covid 19” del 6 agosto 2020 del Ministero dell’Istruzione.
  • Nota INAIL gestione delle operazioni di pulizia, disinfezione e sanificazione nelle strutture scolastiche Istruzioni per l’uso 2020

 

PREMESSA

Il presente documento rappresenta una integrazione al Regolamento di Istituto attualmente in vigore e l’applicazione delle norme in esso contenute sono legate al perdurare dello stato di emergenza sanitaria dovuta alla pandemia COVID-19.

Pertanto, concluso il periodo di emergenza, le presenti disposizioni non avranno più efficacia.

Per quanto non modificato dalla presente integrazione al Regolamento di Istituto restano valide le disposizioni già previste.

 

PROCEDURE GENERALI DI SICUREZZA

– All’ingresso e nei luoghi maggiormente visibili, vengono lasciati a disposizione dal Dirigente Scolastico appositi depliants e infografiche informative.

  • Vengono posizionati dispenser di gel disinfettante per le mani in prossimità degli ingressi dell’edifici, lungo i corridoi nelle postazioni strategiche (es. postazione Collaboratore Scolastico), nelle classi e nei
  • Nell’edificio sono apposti cartelli contenenti tutte le indicazioni utili per alunni, personale scolastico ed esterni (Genitori e Fornitori) che accedono nelle
  • A cura dei Collaboratori Scolastici, fazzoletti, mascherine e guanti utilizzati dovranno essere smaltiti nei rifiuti indifferenziati, utilizzando almeno due sacchetti uno dentro l’altro. I sacchetti dovranno essere chiusi adeguatamente, evitando di comprimerli, utilizzando guanti I Docenti vigileranno che i fazzoletti utilizzati dagli alunni siano gettati dopo ogni utilizzo nel cestino dell’indifferenziata presente in classe e che non stazionino sugli arredi scolastici.

 

INFORMAZIONI PER I LAVORATORI

Tutti i lavoratori sono stati formati (corso con RSPP) e informati (attraverso Protocolli Interni e Circolari) e consegnando e/o affiggendo all’ingresso e nei luoghi maggiormente visibili, appositi depliants e infografiche informative.

In particolare, le informazioni riguardano:

  • l’obbligo di rimanere al proprio domicilio in presenza di febbre (oltre 37.5°C) o altri sintomi influenzali e di chiamare il proprio medico di famiglia e l’autorità sanitaria;
  • la consapevolezza e l’accettazione del fatto di non poter fare ingresso o di poter permanere e di doverlo dichiarare tempestivamente laddove, anche successivamente all’ingresso, sussistano le condizioni di pericolo (sintomi di influenza, temperatura, provenienza da zone a rischio o contatto con persone positive al virus nei 14 giorni precedenti, );
  • l’impegno a rispettare tutte le disposizioni delle autorità e del datore di lavoro nel fare accesso a scuola (in particolare, mantenere la distanza di sicurezza, osservare le regole di igiene delle mani e tenere comportamenti corretti sul piano dell’igiene);
  • l’impegno a informare tempestivamente e responsabilmente il datore di lavoro della presenza di qualsiasi sintomo influenzale durante l’espletamento della prestazione lavorativa, avendo cura di rimanere ad adeguata distanza dalle persone presenti;
  • l’ingresso dei lavoratori già risultati positivi all’infezione da COVID-19 dovrà essere preceduto da una preventiva comunicazione avente ad oggetto la certificazione medica da cui risulti l’avvenuta negativizzazione del tampone secondo le modalità previste e rilasciata dal dipartimento di prevenzione territoriale di competenza. La scuola fornisce un’informazione adeguata sulla base delle mansioni e dei contesti lavorativi, con particolare riferimento al complesso delle misure adottate cui il personale deve attenersi in particolare sul corretto utilizzo dei DPI per contribuire a prevenire ogni possibile forma di diffusione di

 

INSORGENZA DI FEBBRE E SINTOMI COVID ALL’INTERNO DELLA SCUOLA

Nei casi in cui, nel corso dell’attività lavorativa, si venga a contatto con un soggetto che presenta sintomi di potenziale contagio (febbre superiore ai 37.5°C, raffreddore, congiuntivite e difficoltà respiratoria), deve essere immediatamente contattato L’Ufficio di Presidenza, Preposto alla Sicurezza, per informarlo della situazione ed attivare l’intervento del Collaboratore Scolastico in servizio, già provvisto del KIT Sicurezza per avvicinarsi al soggetto potenzialmente infetto, il quale deve:

  • lavarsi accuratamente le mani
  • indossare il KIT Sicurezza fornito dal Dirigente Scolastico che comprende: camice monouso, guanti monouso, mascherina FFP2, occhiali;
  • invitare il soggetto a spostarsi nell’area di sicurezza riservata a distanza dagli altri lavoratori;
  • evitare comunque contatti ravvicinati con la persona malata;
  • fornire il malato di una maschera di tipo chirurgico;
  • prestare particolare attenzione alle superfici corporee venute eventualmente in contatto con i fluidi (secrezioni respiratorie, urine, feci) del malato
  • far eliminare in sacchetto impermeabile, direttamente dal malato, i fazzoletti di carta utilizzati (il sacchetto verrà poi smaltito dal personale di soccorso).

Le suddette misure vengono adottate in attesa che intervengano i sanitari e in modo tale che il Dirigente Scolastico o, in caso di sua impossibilità, il DSGA e gli Assistenti Amministrativi della Segreteria, provvedano a segnalare prontamente il caso sospetto ai servizi sanitari.

 

 

ACCESSO A SCUOLA

  • Qualora la normativa introdotta (DPCM oppure Ordinanza Regionale) preveda la misurazione della temperatura corporea al momento dell’ingresso di personale scolastico o alunni, si dispone quanto segue. Peraltro la misurazione deve essere attuata anche qualora durante l’attività il lavoratore dovesse manifestare i sintomi di infezione respiratoria (es. tosse, raffreddore, congiuntivite). L’operatore che effettuerà la misurazione dovrà essere dotato di guanti monouso, mascherina FFP2 e, se disponibile, occhiali o Se la temperatura risulterà superiore ai 37.5°C, non sarà consentito l’accesso o la permanenza a scuola. Le persone in tale condizione saranno momentaneamente isolate e non dovranno recarsi al Pronto Soccorso. Il datore di lavoro comunicherà tempestivamente tale circostanza, tramite il medico competente e/o l’ufficio del personale all’ATS territorialmente competente, la quale fornirà le opportune indicazioni cui la persona interessata deve attenersi.
  • Per quanto possibile, viene ridotto al minimo e contingentato l’accesso del personale
  • Ove possibile verrà privilegiata la modalità on line sia per i colloqui individuali con i genitori, sia per l’effettuazione delle riunioni previste dal Piano delle attività funzionali, sia per le attività degli CC., al fine di prevenire ogni possibilità di contagio.
  • Per incontri/colloqui non effettuabili on line e realizzati in presenza, viene utilizzato apposito spazio, individuato, in prossimità degli ingressi e sempre mantenuto ben ventilato a cura del personale Collaboratore Scolastico. In ogni caso, al termine dell’utilizzo del locale deve essere garantito un adeguato ricambio d’aria e devono essere sanificate le postazioni
  • In generale, agli esterni è vietato l’accesso ai locali interni alla scuola se non a seguito di autorizzazione del DS, del DSGA, dei collaboratori del Dirigente
  • Gli esterni qualificati (Genitori, fornitori, specialisti dei progetti, addetti e operai della provincia, rappresentanti delle case editrici, …) potranno accedere senza giornaliera autorizzazione del DS. Dovranno comunque rispettare le norme di sicurezza e quindi disinfettandosi le mani e dotandosi di mascherina; all’ingresso verrà verificata la temperatura corporea; se superiore ai 37.5°C non sarà consentito l’accesso all’edificio.
  • Per il personale esterno vengono individuati (ove possibile) servizi igienici dedicati, che saranno giornalmente puliti e disinfettati dal personale Collaboratore Scolastico utilizzando prodotti disinfettanti autorizzati (prodotti a base di alcool o liberatori di cloro).
  • L’eventuale ritiro di libri o altro materiale da parte dei genitori deve avvenire all’ingresso: solo il personale scolastico è autorizzato a reperire e raccogliere il materiale richiesto dalle aule; il genitore dovrà essere dotato di mascherina e guanti e si disinfetterà le mani prima di accedere; il collaboratore o il docente presente dovrà essere dotato di guanti e mascherina FFP2 e, se disponibili, anche di occhiali (o visiera).

 

MISURE PER IL PERSONALE

  • Il personale in servizio viene dotato dal Dirigente Scolastico di mascherine chirurgiche e guanti monouso. Le mascherine chirurgiche devono essere indossate negli spazi comuni e qualora non sia possibile garantire un distanziamento sociale adeguato. I guanti andranno indossati per il tempo necessario allo svolgimento dell’operazione prevista (assistenza, pulizia, ritiro materiale dal fornitore, ecc.).
  • Negli uffici dove operano più lavoratori contemporaneamente gli spazi sono organizzati in modo tale che le postazioni siano distanziate
  • Nell’edificio il personale ha a disposizione anche mascherine FFP2 e occhiali protettivi/visiere da utilizzare in caso di necessità (gestione del personale esterno, assistenza ad alunni/colleghi, ecc.); i Collaboratori Scolastici segnaleranno al DS e al DSGA la necessità di reintegro dei materiali che vanno in
  • Garantire sempre un buon ricambio d’aria in tutti gli ambienti; aprire regolarmente le finestre; ottimizzare l’apertura in funzione delle attività
  • Le scrivanie, e tutto ciò che viene abitualmente toccato, devono essere pulite e disinfettate quotidianamente; ridurre al minimo il materiale appoggiato sopra mobili e arredi in
  •  

PULIZIA E SANIFICAZIONE

  • I collaboratori scolastici sono incaricati di assicurare un’accurata pulizia quotidiana utilizzando normali detergenti con l’aggiunta di prodotti disinfettanti a base alcolica per disinfettare le superfici utilizzate di frequente (servizi igienici, scrivanie e tastiere, banchi e cattedre ove presenti, armadi e corrimano, vetro reception, ecc.) e una sanificazione periodica (una o due volte a settimana) disinfettando con prodotti a base alcolica e/o liberatori di cloro le superfici non passate quotidianamente. Particolare cura e attenzione deve essere garantita dai Collaboratori Scolastici nella pulizia dei bagni, da effettuarsi più volte al giorno e comunque dopo ogni intervallo nella
  • Anche i pavimenti e le scale saranno puliti con prodotti disinfettanti forniti dal DSGA e correlati delle rispettive schede tecniche. Le superfici più ampie saranno costantemente trattate con la lavapavimenti.
  • Prima dell’inizio delle attività, i collaboratori scolastici dovranno provvedere alla areazione di tutti gli ambienti. L’areazione dei locali dovrà continuare per tutta la giornata scolastica non appena possibile e compatibilmente con le condizioni meteo a cura dei docenti presenti in
  • Nel caso di presenza di una persona con COVID-19 all’interno dei locali, si procede alla pulizia e sanificazione dei suddetti secondo le disposizioni della circolare n. 5443 del 22 febbraio 2020 del Ministero della Salute nonché alla loro ventilazione (la sanificazione straordinaria verrà effettuata da una ditta specializzata).

 

Per la gestione degli impianti di ventilazione e condizionamento dell’aria (nei plessi interessati) il Dirigente Scolastico ha effettuato formale richiesta all’ente proprietario per la verifica di quanto indicato dal Rapporto ISS COVID-19 n. 5/2020, richiedendo conferma che il sistema di condizionamento dell’aria sia stato progettato e mantenuto correttamente secondo gli standard di legge.

 

GESTIONE DI UNA PERSONA SINTOMATICA

  • Nel caso in cui una persona presente a scuola sviluppi febbre e sintomi di infezione respiratoria quali la tosse, lo deve dichiarare immediatamente; si dovrà procedere al suo isolamento, in base alle disposizioni dell’autorità sanitaria, e a quello degli altri presenti nei locali; si procede immediatamente ad avvertire le autorità sanitarie competenti e i numeri di emergenza per il COVID-19 forniti dalla Regione o dal Ministero della Salute, informando nel contempo il Dirigente
  • La scuola collabora con le Autorità sanitarie per la definizione degli eventuali “contatti stretti”.
  • La persona, al momento dell’isolamento, deve essere subito dotata, ove già non lo fosse, di mascherina

 

GESTIONE DELLE EMERGENZE

PRIMO SOCCORSO

Nell’intervento di primo soccorso su “caso sospetto da COVID-19” gli addetti al Primo Soccorso dovranno:

  1. indossare i DPI previsti per il COVID-19, in particolare: guanti monouso, mascherina FFP2, schermi o occhiali protettivi già forniti in ogni plesso scolastico dell’ICS;
  2. posizionare sul viso del malato, se non già indossata, una mascherina di tipo chirurgico;
  3. allontanare immediatamente il caso sospetto per limitare la possibilità di contagio e accompagnarlo nella “zona di sicurezza” individuata nell’istituto;
  4. misurare la temperatura corporea con termometro preferibilmente ad infrarossi a distanza;
  5. qualora la temperatura corporea risulti superiore ai 37.5°C prestare la prima assistenza e chiamare i soccorsi qualificati 112 o numero verde regionale per l’emergenza COVID-19;
  6. informare immediatamente dell’accaduto il Dirigente Scolastico che si interfaccerà con il medico competente per inviare tempestivamente la comunicazione in ATS;
  7. presidiare la zona in attesa di soccorsi;
  8. areare prontamente tutti i locali dove il potenziale malato COVID-19 ha

 

NUMERI TELEFONICI UTILI COVID-19

  • Numero di pubblica utilità 1500
  • Regione Calabria numero verde Coronavirus 800.76.76.76
  • Emergenza Sanitaria 112/118

 

DISPOSIZIONI IN CASO DI EVACUAZIONE ED EMERGENZE

  1. Continuano ad applicarsi le procedure generali di
  2. Integrativamente a quanto disposto si aggiunge quanto segue: ogni unità di personale scolastico ed ogni alunno deve indossare la mascherina chirurgica, al fine di evacuare correttamente anche in deroga al rispetto della distanza interpersonale (sia durante la procedura di evacuazione che sul punto di raccolta).
  3. Gli incaricati alle emergenze, si attengono alle disposizioni del Piano di Emergenza, provvedendo ad indossare a loro volta le mascherine o i DPI se
  4. I Docenti sono tenuti a verificare che gli alunni del proprio gruppo indossino la

 

INDICAZIONI OPERATIVE PER LA MISURAZIONE DELLA TEMPERATURA IN INGRESSO

  • Ogni Collaboratore Scolastico del Liceo è stato formalmente incaricato dal Dirigente Scolastico alla misurazione della temperatura e istruito sulla relativa procedura, che prevede l’uso di apposita “pistola” di rilevazione senza
  • DPI previsti e formalmente consegnati al Lavoratore:
    • mascherina chirurgica o mascherina FFP2
    • occhiali protettivi
    • camice monouso o camice in cotone lavabile a 90°C
    • guanti in nitrile e in vinile
    • calzari chiusi con fermo tallone
  • Caratteristiche del termometro – avvertenze d’uso. È fornito un termometro che non necessita di contatto diretto (pistola a infrarosso).
  • Registrazione della temperatura e modalità di comunicazione della rilevazione al lavoratore e al Datore di Lavoro. La rilevazione in tempo reale della temperatura corporea quando eseguita da terzi costituisce di fatto un trattamento di dati personali e, pertanto, deve avvenire ai sensi della disciplina della A tal fine sono state fornite al Collaboratore Scolastico (delegato dal DS alla rilevazione) tutte le istruzioni necessarie, che sono contenute nell’atto formale di incarico. In particolare:
    • rilevare il dato senza registrare la temperatura se pari o inferiore a 37.5°C in quanto non ostacola l’accesso
    • rilevare il dato e registrare la temperatura quando superiore a 37.5°C in quanto la norma specifica che “è possibile identificare l’interessato e registrare il superamento della soglia di temperatura solo qualora sia necessario a documentare le ragioni che hanno impedito l’accesso ai locali”. L’identificazione avviene mediante indicazione del nome, cognome, luogo e data di

La modalità viene preventivamente dichiarata ai sensi del Protocollo di Sicurezza Anti-contagio, ai sensi dell’Art.1, n.7, lett. D del DPCM 11 marzo 2020 e con riferimento alla durata della eventuale conservazione dei dati si tiene conto del termine dello Stato di Emergenza COVID-19.

 

Alcune volte il termometro a raggi infrarossi può dare falsi positivi. È NECESSARIO PERTANTO EFFETTUARE PIÙ CONTROLLI. La tecnica di rilievo della temperatura può comportare false negatività, ovvero il rilievo alla fronte di temperature inferiori ai 37.5°C in individui febbrili. L’evento è facilmente verificabile bagnando la fronte con acqua fresca e ri-misurando. Lo scarto rispetto alla temperatura di base può essere di oltre1°C. L’inconveniente può verificarsi nelle prime ore del mattino o in serata a seguito dello stazionamento all’esterno dell’accesso.

 

GESTIONE DI UNA PERSONA CHE LAMENTA UNICAMENTE SINTOMI FEBBRILI

Nel caso di adulto che presenta febbre alla misurazione o che lamenti febbre mentre è al lavoro o la persona con temperatura superiore a 37.5°C ma asintomatica o senza disturbi evidenti è invitata a rientrare immediatamente al proprio domicilio e a rivolgersi al proprio Medico di Medicina Generale curante, previa fornitura di una mascherina chirurgica. Dovrà contestualmente informare l’Ufficio di presidenza e la Segreteria del Liceo.

 

Nel caso di alunni asintomatici ma con temperatura superiore ai 37.5°C, dovrà essere contattata immediatamente la famiglia per il rientro al domicilio.

 

COMITATO DI VERIFICA DELLE MISURE ANTICONTAGIO

  • È istituito nel Liceo il Comitato di Verifica delle misure anticontagio, nelle persone del DSGA Carmine Lepera, del Medico Competente Dott. Trento e dei collaboratori del Dirigente, del RSPP Prof. Antonello Gugliotta, Preposti alla Sicurezza.
  • Le attività del Comitato prevedono momenti di confronto tra i suoi componenti da effettuarsi tramite riunioni in conference, telefonate e/o scambi di Scopo di tali attività sarà l’applicazione e la

verifica delle misure adottate per la salute e la sicurezza dei lavoratori e di tutta la popolazione scolastica del liceo, nonché l’individuazione di ulteriori misure, anche in applicazione di ulteriori disposizioni normative.

 

INFORMAZIONI ALLE FAMIGLIE

Il sito del liceo rappresenta il luogo principale ed ufficiale di informazione alle famiglie sulle procedure da adottare in collaborazione nelle scuole per la gestione dell’emergenza COVID-19.

Si effettuerà un continuo aggiornamento tramite tale strumento, anche in relazione alle nuove disposizioni normative Statali, Regionali, Comunali di impatto sul funzionamento delle scuole.

Restano confermate tutte le modalità di rapporto Scuola-Famiglia già contenute nel Regolamento Scolastico di Istituto, pubblicato sul sito istituzionale, se compatibili con le prescrizioni del presente documento.

Il presente “Regolamento di istituto: integrazioni in relazione all’emergenza COVID-19” viene pubblicato sul sito sia nella Home Page che nella sezione dedicata ai genitori. Viene trasmesso all’inizio dell’anno scolastico 2020/2021 a tutte le famiglie degli alunni iscritti tramite e-mail, al fine di garantirne la visione, e a tutti i Docenti tramite circolare interna.

 

 

 

MISURE DI SISTEMA, ORGANIZZATIVE E DI PREVENZIONE

 

Tutti gli spazi scolastici sono stati mappati in collaborazione con l’Ufficio Tecnico comunale, che ne ha determinato la capacità di accoglienza. Pertanto ogni locale garantisce la presenza di un numero di alunni adeguato e conforme alle indicazioni normative. Sulla base di ciò, il liceo può garantire la presenza a scuola di tutti gli alunni iscritti nei consueti orari di funzionamento (27 ore biennio, 30 triennio).

La didattica a distanza rimane quindi una eventualità in caso di provvedimento di chiusura delle scuole.

I DPI vengono periodicamente riassortiti; è cura dei collaboratori del DS e dei Collaboratori Scolastici comunicare al DS e al DSGA la fine delle scorte.

 

La precondizione per la presenza a scuola di studenti e di tutto il personale a vario titolo operante è:

  • l’assenza di sintomatologia respiratoria o di temperatura corporea superiore a 37.5°C anche nei tre giorni precedenti;
  • non essere stati in quarantena o isolamento domiciliare negli ultimi 14 giorni;
  • non essere stati a contatto con persone positive, per quanto di propria conoscenza, negli ultimi 14 giorni.

All’ingresso della scuola NON è necessaria la rilevazione della temperatura corporea di docenti e alunni.

 

Chiunque ha sintomatologia respiratoria o temperatura corporea superiore a 37.5°C dovrà restare a casa.

Pertanto si rimanda alla responsabilità individuale rispetto allo stato di salute proprio o dei minori affidati alla responsabilità genitoriale.

Si fa presente che ogni situazione di malessere con caratteristiche riconducibili al COVID-19 determina a carico della scuola l’attivazione di Protocolli di sicurezza che finiscono per paralizzare a lungo il normale svolgimento delle attività didattiche, oltre a rendere necessario l’intervento delle autorità sanitarie preposte, secondo la normativa vigente.

Per tale motivo si sottolinea l’importanza di non mandare a scuola i propri figli che presentano malessere fin dal mattino.

 

Nelle misure organizzative generali della scuola il principio del distanziamento fisico rappresenta un aspetto di prioritaria importanza e di grande complessità.

Per tale motivo, in relazione al periodo dell’emergenza COVID-19 e comunque per l’a.s. 2020 | 2021, l’ingresso e l’uscita degli studenti viene gestito attraverso uno scaglionamento orario che differenzia e riduce il carico e il rischio di assembramento.

CHIARIMENTI IN MERITO AGLI ATTESTATI DI GUARIGIONE DA COVID-19 O DA PATOLOGIA DIVERSA DA COVID-19 PER ALUNNI/PERSONALE SCOLASTICO.

In particolare, le indicazioni riguardano quattro scenari, che concorrono a definire un “caso sospetto”, anche sulla base della valutazione del medico curante (PLS/MMG):

  1. caso in cui un alunno presenti un aumento della temperatura corporea al di sopra di 37,5°C o sintomatologia compatibile con COVID-19, in ambito scolastico;
  2. caso in cui un alunno presenti un aumento della temperatura corporea al di sopra di 37,5°C o sintomatologia compatibile con COVID-19, presso il proprio domicilio;
  3. caso in cui un operatore scolastico presenti un aumento della temperatura corporea al di sopra di 37,5°C o sintomatologia compatibile con COVID-19, in ambito scolastico;
  4. caso in cui un operatore scolastico presenti un aumento della temperatura corporea al di sopra di 37.5°C o sintomatologia compatibile con COVID-19, al proprio

In presenza di sintomatologia sospetta, il pediatra di libera scelta (PLS)/medico di medicina generale (MMG), richiede tempestivamente il test diagnostico e lo comunica al Dipartimento di Prevenzione (DdP), o al servizio preposto sulla base dell’organizzazione regionale.

Il DdP, o il servizio preposto sulla base dell’organizzazione regionale, provvede all’esecuzione del test diagnostico. Se il caso viene confermato, il DdP si attiva per l’approfondimento dell’indagine epidemiologica e le procedure conseguenti.

Si sottolinea che gli operatori scolastici e gli alunni hanno una priorità nell’esecuzione dei test diagnostici.

 

Alunno/operatore scolastico positivo al test diagnostico per SARS-CoV-2

Se il test risulta positivo, si notifica il caso al DdP che avvia la ricerca dei contatti e indica le azioni di sanificazione straordinaria della struttura scolastica nella sua parte interessata, secondo quanto previsto dal documento di cui sopra recante ‘Indicazioni operative per la gestione di casi e focolai di SARS-CoV-2 nelle scuole e nei servizi educativi dell’infanzia’. Per il rientro in comunità bisognerà attendere la guarigione secondo i criteri vigenti. Attualmente le indicazioni scientifiche prevedono l’effettuazione di due tamponi (test di biologia molecolare) a distanza di 24 ore l’uno dall’altro con un contestuale doppio negativo, cui potrà conseguire la conclusione dell’isolamento e l’inserimento in comunità. L’alunno/operatore scolastico rientrerà a scuola con attestazione di avvenuta guarigione e nulla osta all’ingresso o rientro in comunità.

 

Alunno/operatore scolastico negativo al test diagnostico per SARS-CoV-2

Se il test diagnostico è negativo, in paziente sospetto per infezione da SARS-CoV-2, secondo sua precisa valutazione medica, il pediatra o il medico curante, valuta il percorso clinico/diagnostico più appropriato (eventuale ripetizione del test) e comunque l’opportunità dell’ingresso a scuola. In caso di diagnosi di patologia diversa da COVID-19, la persona rimarrà a casa fino a guarigione clinica seguendo le indicazioni del PLS/MMG.

 

Alunno od operatore scolastico convivente di un caso accertato

Si sottolinea che qualora un alunno o un operatore scolastico fosse convivente di un caso, esso, su valutazione del Dipartimento di prevenzione, sarà considerato contatto stretto e posto in quarantena. Eventuali suoi contatti stretti (esempio compagni di classe dell’alunno in quarantena), non necessitano di quarantena, a meno di successive valutazioni del Dipartimento di Prevenzione in seguito a positività di eventuali test diagnostici sul contatto stretto convivente di un caso.

 

Attestazione di nulla osta all’ingresso o rientro in comunità dopo assenza per malattia

In caso di test diagnostico per SARS-CoV-2 con esito positivo, il PLS\MMG, dopo aver preso in carico il paziente ed aver predisposto il corretto percorso diagnostico\terapeutico predispone, dopo la conferma di avvenuta guarigione, con l’effettuazione di due tamponi a distanza di 24 ore, l’uno dall’altro risultati negativi, “Attestazione di nulla osta all’ingresso o al rientro in comunità”.

In caso di patologie diverse da COVID-19, con tampone negativo, il soggetto rimarrà a casa fino a guarigione clinica seguendo le indicazioni del PLS/MMG che redigerà una attestazione che l’alunno/operatore scolastico può rientrare scuola poiché è stato seguito il percorso diagnostico- terapeutico e di prevenzione per COVID-19, come disposto da documenti nazionali e regionali.

Attestazione all’ingresso o rientro in comunità dopo assenza non impotabile a SARS-CoV-2

 Per assenze dovute a patologie con sintomi non sospetti di COVID-19 (ad es. un trauma, una impetigine, un mal d’orecchio, etc.) in cui non è necessario eseguire il tampone, il certificato di rientro a scuola sarà rilasciato per assenze di oltre 3 giorni per asilo nido e scuola dell’infanzia o più di 5 giorni, dalla scuola primaria in su.

Se le assenze sono di durata inferiore a quelle indicate non è necessario il certificato, così come per assenze non dovute a motivi di salute ma a motivi familiari: in questo caso basta una autocertificazione del genitore.

 

ORARI DI INGRESSO E USCITA DEGLI ALUNNI PER L’A.S. 2020/2021

 

ORARIO DI INGRESSO: DALLE ORE 7,50 ALLE ORE 8,05

ORARIO DI USCITA: DALLE ORE 12.00 ALLE ORE 13.00

 

Gli ingressi e le uscite avverranno secondo il seguente schema:

Edificio CENTRALE

 

  • INGRESSO 1 che conduce alle aule 54 – 55 – 56 – 57 – 58 – 60 – 61 ubicate al Primo Piano (1°P) (Settore Blu)
  • INGRESSO 2 che conduce alle aule 11 – 12 – 14 – 18 – 19 – 20 – 21 – 22 ubicate al Piano Terra (P.T.) (Settore Rossa)
  • INGRESSO 3 che conduce alle aule 62 – 63 – 64 -67 – 39/1 ubicate al Primo Piano (1°P) (Settore Arancione)
  • INGRESSO 4 che conduce alle aule 24 – 33 – 35 – 36 – 37 ubicate al Piano Terra (P.T.) (Settore Gialla)
  • INGRESSO 5 aule 38 – 43 -44 – (45/46) – 47 – 48 – 49 ubicate al Piano Terra (P.T.) (Settore Nero)
  • INGRESSO 6 aule 69 – 70 – 71 – 39/2 75 – 76 – 77 ubicate al Primo Piano (1°P) (Settore Verde)

 

Edificio PLESSO

  • INGRESSO 7 che conduce alle aule 82 – 83 _ 84 -85 ubicate al Piano Terra (P.T.) (Settore Verde)
  • INGRESSO 8 che conduce alle aule 94 – 95 – 96 – 97 – 98 ubicate al Primo Piano (1°P) (Settore Nero)
  • INGRESSO 9 che conduce alle aule 79 – 80 – 81 -88 ubicate al Piano Terra (P.T.) (Settore Rossa)
  • INGRESSO 10 che conduce alle aule 91 – 92 -93 -99 -100 ubicate al Primo Piano (1°P) (Settore Blu)

 

Che si ripropone nella seguente tabella riassuntiva:

 

Edificio CENTRALE

INGRESSO

che conduce alle aule

ubicate al

Area Tematica

1

54 – 55 – 56 – 57 – 58 – 60 – 61

1° Piano

 

Blu

2

11 – 12 – 14 – 18 – 19 – 20 – 21 – 22

P.T.

 

Rossa

3

62 – 63 – 64 -67 – 39/1

1° Piano

 

Arancione

4

24 – 33 – 35 – 36 – 37

P.T.

 

Gialla

5

38 – 43 -44 – (45/46) – 47 – 48 – 49

P.T.

 

Nero

6

69 – 70 – 71 – 39/2 75 – 76 – 77

1° Piano

 

Verde

 

Edificio PLESSO

INGRESSO

che conduce alle aule

ubicate al

Area Tematica

7

82 – 83 _ 84 -85

P.T.

 

Verde

8

94 – 95 – 96 – 97 – 98

1° Piano

 

Nero

9

79 – 80 – 81 -88

P.T.

 

Rossa

10

91 – 92 -93 -99 -100

1° Piano

 

Blu

 

L’ingresso e l’uscita dall’edificio deve avvenire seguendo le istruzioni del personale collaboratore scolastico ed in base alla segnaletica.

I genitori attendono gli allievi all’esterno della scuola, nello spazio antistante l’ingresso principale e lato questura. Non è comunque consentito l’ingresso nelle aule. Non è consentito l’ingresso a chi è privo di mascherina.

Al momento dell’accesso è obbligatoria la rilevazione della temperatura corporea del genitore/accompagnatore e l’igienizzazione delle mani.

 

Il rispetto degli orari indicati è fondamentale per garantire un ordinato e sicuro accesso all’edificio scolastico.

 

UTILIZZO DEGLI SPAZI SCOLASTICI

 

Al fine di evitare qualsiasi assembramento si prevede quanto segue.

 

CORRIDOI

L’uso dei corridoi è consentito per gli spostamenti necessari all’interno del liceo. L’intervallo non può essere svolto in corridoio al fine di evitare qualsiasi tipo di promiscuità fra gruppi classe diversi. Nello spostamento fra i vari spazi comuni dell’edificio scolastico potrebbero verificarsi situazioni di distanziamento inferiore al metro: per tale motivo, durante gli spostamenti all’interno del plesso, sia operatori che alunni indosseranno la mascherina. I Fiduciari appongono sulla porta di ogni laboratorio l’orario di utilizzo stabilito per le classi, in modo da evitare sovrapposizioni e incroci di classi. Sulle vie di transito interne deve essere rispettato il senso di marcia, indicato dall’apposita segnaletica a terra.

 

Gli allievi non potranno spostarsi all’interno dell’istituto, ovvero dall’area di pertinenza ad un’altra se non direttamente autorizzati dal docente che ne avallerà lo spostamento annotandone sul registro la motivazione.

 

USO DEGLI SPAZI ESTERNI

Per tutte le attività ludiche e gli intervalli deve essere utilizzato lo spazio esterno dell’edificio, compatibilmente con le condizioni meteo. È compito del Fiduciario preposto alla sicurezza assegnare ad ogni classe uno spazio da utilizzare possibilmente in via esclusiva.

 

UTILIZZO DEI SERVIZI IGIENICI

L’accesso ai bagni è contingentato e presso i locali antistanti non potrà essere superata la capienza dei medesimi. Gli studenti e le studentesse si disporranno in una fila ordinata di 3 o 4 persone seguendo la segnaletica posta in prossimità dei servizi igienici e distanziata per accedervi, resteranno in fila indossando la mascherina e si laveranno le mani prima di entrare in bagno, avranno cura di abbassare la tavoletta prima di tirare lo sciacquone onde limitare la produzione di goccioline disperse nell’ambiente, si laveranno ancora le mani in uscita. Laddove notino che i bagni non siano perfettamente in ordine, avranno cura di segnalare la problematica immediatamente ai collaboratori e alle collaboratrici scolastiche e questi provvederanno tempestivamente alla sua soluzione secondo dinamiche vincolate dalle norme di prevenzione richiamate nelle premesse regolamentari e normative del presente documento.

Al fine di limitare assembramenti, l’accesso ai bagni sarà consentito anche durante l’orario di lezione, previo permesso accordato dall’insegnante incaricato di valutare la sensatezza e la frequenza delle richieste, anche alla luce di un registro quotidiano delle uscite che i docenti si passeranno l’un l’altro onde evitare penosi abusi. I collaboratori e le collaboratrici scolastiche al piano avranno cura di monitorare la situazione onde evitare abusi e perdite di tempo strumentali.

 

LABORATORI

I collaboratori appongono sulla porta di ogni laboratorio l’orario di utilizzo stabilito per le classi, in modo da evitare sovrapposizioni e incroci di classi.

Gli strumenti presenti nel laboratorio devono essere utilizzati nel rispetto del distanziamento sociale e qualora non sia possibile garantire almeno un metro di distanza deve essere indossata la mascherina per tutto il tempo di permanenza all’interno. Prima dell’uso dei sussidi gli alunni e il personale igienizzano le mani con i gel disinfettanti messi a disposizione. Stessa procedura di sanificazione delle mani viene svolta all’uscita. I docenti vigilano sul rispetto delle disposizioni da parte degli alunni. Nel caso di libri (Biblioteca scolastica) i testi saranno maneggiati attraverso l’uso di guanti nuovi che verranno immediatamente gettati dopo l’uso. Nel caso di libri in comodato, i volumi restituiti devono essere lasciati per almeno una settimana nell’apposita scatola di raccolta predisposta all’interno della Biblioteca dal Referente di Biblioteca.

Per l’uso dei laboratori di informatica è possibile prevedere per gli alunni l’utilizzo di guanti usa e getta. I Collaboratori garantiscono la necessaria pulizia degli spazi e dei sussidi terminato l’utilizzo.

 

ATTIVITÀ DI EDUCAZIONE FISICA ED UTILIZZO DELLE PALESTRE

Per le attività di educazione fisica, qualora svolte al chiuso (es. palestre), deve essere garantita adeguata aerazione e un distanziamento interpersonale di almeno 2 metri (in analogia a quanto disciplinato nell’allegato 17 del DPCM 17 maggio 2020). A tale proposito vigilerà attentamente il docente in servizio. Sono fortemente sconsigliati i giochi di squadra e gli sport di gruppo, mentre sono da privilegiare le attività fisiche sportive individuali che permettano il distanziamento fisico.

La pulizia della palestra e degli attrezzi viene garantita dal personale Collaboratore scolastico al termine dell’utilizzo. È vietato l’uso di palle di spugna in quanto difficilmente igienizzabili.

È altresì vietato entrare in palestra senza aver preventivamente indossato le scarpette da ginnastica; lo spogliatoio è il luogo deputato al cambio. Dopo il cambio delle scarpe e prima di iniziare l’attività fisica gli alunni e il personale scolastico devono provvedere alla igienizzazione delle mani.

 

GESTIONE DEGLI ARREDI, DEL MATERIALE SCOLASTICO E PERSONALE DEGLI ALUNNI

Al fine di garantire la fruibilità di tutti gli spazi individuati in relazione alla capacità di accoglienza degli alunni, tutti gli arredi superflui vengono collocati in apposite aree concordate con il Comune, al fine di poter essere reintegrati nelle classi al termine dell’emergenza.

Pertanto, anche il materiale presente in classe deve essere ridotto al minimo, onde altresì consentire ai collaboratori scolastici una approfondita pulizia giornaliera di spazi e arredi.

I docenti devono quindi organizzare le attività didattiche prevedendo un numero ridotto di quaderni e libri, poichè non è possibile conservare nell’aula il materiale personale degli alunni, che deve perciò essere portato avanti e indietro dal proprio domicilio.

Anche il materiale scolastico in dotazione alla scuola non deve essere lasciato nelle classi, ma conservato alla fine della giornata scolastica negli appositi spazi/arredi dedicati.

 

 

PULIZIA

Ai Collaboratori Scolastici sono forniti tutti i DPI necessari e la strumentazione utile alla igienizzazione e sanificazione di spazi, attrezzature e arredi.

Dal DSGA e dal DS vengono fornite le schede tecniche e tutte le istruzioni per la gestione delle pulizie e delle emergenze COVID-19, anche attraverso apposita formazione (Protocolli e circolari interna.

Si ribadisce nuovamente per tutto il Personale scolastico la necessità di areare costantemente tutti i locali utilizzati, come raccomandato dal Comitato tecnico Scientifico nel Documento Tecnico del 28 maggio 2020 e dalle Linee Guida.

 

 

PRODOTTI DI IGIENE

La Scuola garantisce la fornitura di gel igienizzante mani e guanti monouso, dove richiesto.

La scuola garantisce altresì giornalmente al personale la mascherina chirurgica, che dovrà essere indossata per la permanenza nei locali scolastici ogni qualvolta non sia possibile garantire il distanziamento sociale di almeno un metro e nelle situazioni di maggiore affollamento (ingresso, uscita, accesso alla mensa o ai servizi igienici, intervallo non all’aperto…).

Gli alunni devono essere muniti di una mascherina chirurgica o di comunità, da utilizzare quando necessario; si definiscono mascherine di comunità “mascherine monouso o mascherine lavabili, anche auto-prodotte, in materiali multistrato idonei a fornire un’adeguata barriera e, al contempo, che garantiscano comfort e respirabilità, forma e aderenza adeguate che permettano di coprire dal mento al di sopra del naso” come disciplinato dai commi 2 e 3, art. 3 del DPCM 17 maggio 2020. Al riguardo va precisato che, in coerenza con tale norma, “non sono soggetti all’obbligo i bambini al di sotto dei sei anni, nonché i soggetti con forme di disabilità non compatibili con l’uso continuativo della mascherina ovvero i soggetti che interagiscono con i predetti”.

Non sono necessari ulteriori dispositivi di protezione.

Anche per tutto il personale non docente, negli spazi comuni deve essere garantito il distanziamento di almeno 1 metro, indossando altresì la mascherina chirurgica quando prescritto.

Ai docenti della scuola dell’infanzia, del sostegno e delle classi prime della scuola primaria viene fornita, oltre alla mascherina, apposita visiera protettiva, in modo tale da poter essere sempre riconoscibili dagli alunni anche nelle situazioni di insufficiente distanziamento sociale.

 

  • B. Fare riferimento alla nota INAIL gestione delle operazioni di pulizia, disinfezione e sanificazione nelle strutture scolastiche Istruzioni per l’uso 2020

 

BAR

Vedi : Protocollo condiviso di regolamentazione delle misure per il contrasto e il contenimento della diffusione del virus covid-19 negli ambienti scolastici

 

Dalla “Didattica a Distanza” alla “Didattica Digitale Integrata”: il piano scolastico per la DDI

Non sfugge il fatto che la didattica in presenza con distanziamento fisico inficia molte delle didattiche attive potenzialmente ottimali sul fronte dei processi di insegnamento-apprendimento come la letteratura scientifica illustra sin da Maria Montessori. Il distanziamento fisico, tuttavia, può essere colmato con l’inclusione delle tecnologie che mettono a disposizione piattaforme di condivisione che possono essere utilizzate anche in presenza. È ovviamente responsabilità di ogni singolo docente trovare le soluzioni didattiche più idonee alla luce delle epistemologie delle diverse discipline, delle proprie conoscenze e sulla base delle proprie esperienze metodologiche, anche integrate dalla formazione erogata dalla scuola stessa, in particolare da Future Labs, o fuori da essa.

Esplicitato questo elemento critico, il Collegio dei Docenti è chiamato a redigere un piano scolastico per la DDI, eventualmente aggiornando quanto già deliberato nel corso delle riunioni dell’a.s. 2019/2020.

Sia nel caso in cui solo alcuni studenti o alcune studentesse seguissero a distanza, sia nel caso in cui tutti fossero costretti a seguire a distanza, questi dovranno silenziare i microfoni se non aventi il turno di parola e accendere le telecamere per garantire una dignitosa partecipazione alla lezione. La scuola fornirà dispositivi e schede di connessione su richiesta degli aventi titolo, come già avvenuto nel corso dell’a.s. 2019/2020.

 

Procedimenti disciplinari

  1. I provvedimenti disciplinari hanno finalità educativa e tendono al rafforzamento del senso di responsabilità e al ripristino del rapporto corretto all’interno della comunità scolastica. Verranno valutati attentamente eventuali espressioni di disagio manifestate dagli alunni e si attiveranno percorsi educativi idonei al superamento degli stessi, con il coinvolgimento delle famiglie e delle organizzazioni territorialmente competenti.
  2. Si applica la sanzione dell’annotazione quando il comportamento, nonostante il richiamo, resta inadatto, determinando situazioni di rischio in riferimento alla diffusione del virus SARS-COV-2, come ad esempio venire meno, all’interno del proprio gruppo classe, all’uso della mascherina, al rispetto del distanziamento sociale, alle raccomandazioni igieniche. La sanzione si applica anche nel caso di infrazioni riconducibili alla netiquette, qualora l’alunno utilizzi i servizi offerti per finalità che esulano da quelle didattiche della scuola o nel caso in cui il suo comportamento sia di disturbo alle lezioni. Il docente interessato verifica, il primo giorno utile, che la nota sia stata controfirmata dal genitore. In caso contrario si procederà ad informarlo telefonicamente dell’accaduto.
  3. Si applica la sanzione della nota sul registro di classe quando sussistano ripetute e assidue segnalazioni sul diario per le infrazioni di cui al punto precedente, quando i comportamenti inadatti generano rischio di diffusione del virus SARS-COV-2 all’esterno del proprio gruppo classe, quando i comportamenti durante le attività di didattica a distanza rappresentano violazione della privacy di docenti o alunni, oppure quando si configurino come offensivi. La nota assegnata deve essere comunicata al Dirigente Scolastico e alla famiglia.
  4. L’allontanamento dalle lezioni è previsto alla quarta nota sul registro o in presenza di comportamenti particolarmente gravi. In tal caso il Consiglio di Classe prenderà in esame la possibilità di allontanare l’alunno per un numero di giorni fino a quindici. Per comportamenti che violino la dignità e il rispetto della persona umana (trasmissione di immagini, materiali offensivi, osceni o indecenti durante le attività di didattica a distanza, diffusione a mezzo social di immagini e registrazioni video di compagni o docenti con finalità di scherno, ecc.), oppure quando si verifica una concreta situazione di pericolo per l’incolumità delle persone legata alla diffusione del virus SARS-COV-2 (tossire o starnutire volontariamente sul viso o in direzione di altri, consapevole di manifestare sintomatologia riconducibile al Covid19), può essere comminata la sanzione dell’allontanamento superiore a 15 giorni.

 

INTEGRAZIONE REGOLAMENTO Anti Covid-19 in pdf